Una piccola isola che sembra non finire mai, soprattutto se la si visita a piedi, girovagando tra paesaggi di rara bellezza: calette, spiagge di sabbia bianca, saline, vigneti racchiusi tra muretti in pietra, mulini a vento, luoghi dall’aspetto rurale e angoli
dal sapore mediterraneo.
Si possono percorrere i tanti sentieri segnalati, ma è bello anche avventurarsi, senza una mèta, in luoghi poco frequentati, dove il mare e l’entroterra dialogano in perfetta armonia.

DA PUNTA PRIMA A ES PUJOLS
Il primo percorso è un circuito ad anello, che attraversa splendide spiagge e fiancheggia le Saline. L’intera area fa parte del Parque Natural de Ses Salines.
Per evitare di calpestare e deturpare la riserva protetta, sono state costruite lunghe passerelle di legno che si inseriscono perfettamente nell’ambiente. Grazie alla presenza della Posidonia, dal 1999 Formentera è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Si tratta di una vera e propria pianta marina, non un’alga come molti sono propensi a credere, che ha radici, fusto, foglie, frutti e fiori e riveste un ruolo fondamentale nell’ecosistema poiché funge da filtro rendendo le acque trasparenti e cristalline.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO DI PAOLA LEONE SU CAMMINARE 89 DISPONIBILE IN E-BOOK O CARTACEO DIRETTAMENTE A CASA VOSTRA

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments