Andare a Canossa! Chi non ricorda questa frase, densa di significati non solo simbolici. La terribile Matilde, la prima donna ad aver goduto di un potere così ampio e duraturo, tanto da essere l’ago della bilancia nelle vicende tra Papato e Sacro Romano Impero, quando la storia si faceva a suon di battaglie e di scomuniche. Dominatrice incontrastata del Ducato di Tuscia, uno dei feudi più estesi di tutta Italia, Matilde era contessa, duchessa, marchesa e vicaria imperiale, e il suo regno andava da Corneto (ora Tarquinia)
al Lago di Garda. 

Se tutti ricordiamo l’Umiliazione di Canossa, quando Enrico IV attese tre giorni fuori dal castello per ottenere la revoca della scomunica da parte di Gregorio VII, nella mente di molti questo luogo e suoi personaggi leggendari risiedono lontano, in un angolo sospeso tra realtà e storia.
Dal 2008, però, tutti coloro che transitano sulla A1 trovano il nuovo casello autostradale con l’indicazione “Terre di Canossa – Campegine”. Questo ha portato uno sviluppo del turismo su tutto il territorio della Val d’Elsa.

E anche per quanto riguarda la sentieristica, per chi come noi nei luoghi ci vuole arrivare “dal di dentro” con la lentezza del camminare per sentire non solo il terreno, ma anche la storia di chi ci è passato prima, leggendo, approfondendo a ogni sosta un pezzo delle vicende che si sono susseguite sul territorio, appunto, per quelli come noi, la rete di sentieri ha avuto uno sviluppo davvero importante, con itinerari di più giorni attraverso la storia di quest’area. Il Sentiero dei Ducati, ideato all’inizio degli anni ’90 da Daniele Canossini e Giuliano Cervi, per anni si era fermato al Passo del Lagastrello, ma nel corso del 2020 ha raggiunto la destinazione finale, Sarzana, partendo da Quattro Castella, dove l’Appennino sprofonda dolcemente nella pianura Padana.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO DI VALERIA TONELLA SU CAMMINARE 88 DISPONIBILE IN E-BOOK O CARTACEO DIRETTAMENTE A CASA VOSTRA.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments