Veduta del Il centro storico di Casalborgone

Il 2020 è un anno che ci riporterà a riscoprire “gli spazi domestici”, soprattutto quelli che ci circondano, ricchi di storia e di eccellenze inaspettate. È quello che succede a Casalborgone, paese di quasi 1900 abitanti, ultima località della provincia di Torino al confine con quella di Asti e famoso per la Sagra del pisello che si tiene solitamente l’ultima settimana di maggio. Un territorio che può essere considerato la porta d’accesso al Monferrato, ricco di ambizioni turistiche, con agriturismi e locande che hanno avviato una propria offerta e attività di eccellenza.
Casalborgone si trova a due passi dalla grande città e conserva la più grande area boscata della collina torinese con il Sito di Interesse Comunitario del Bosc Grand e un paesaggio unico, inserito nella Riserva MAB Unesco, caratterizzato da colline coltivate, chiese romaniche, antichi borghi e castelli.
L’area ha trovato in un gruppo di camminatori, cicloturisti, appassionati di equitazione, associazioni e amministratori del Comune di Casalborgone, un filo conduttore che li ha portati a realizzare un progetto condiviso di ampliamento della rete sentieristica, ufficiale ribattezzato PoMonf, l’anello dei boschi e del romanico.
Sono nati nuovi anelli e percorsi adatti sia alle famiglie sia agli escursionisti abituali, finanziati attraverso un progetto europeo che ha visto capofila il Comune di Casalborgone insieme ad altri 7 comuni confinanti: 54 chilometri lungo paesaggi di grande interesse, architetture romaniche, boschi secolari e punti panoramici. Insieme all’amministrazione di Casalborgone, hanno collaborato il Comune di Berzano di San Pietro, l’associazione turistica Explore Monferrato, la Società Sportiva Casalborgone, InCollina, Equestre Red Horse e Nordic Walking Torino, oltre a molti sportivi, professionisti e amanti del territorio. Al percorso storico del PoMonf se ne affiancheranno nuovi itinerari, tutti corredati da mappatura gps e informazioni del tracciato, pensati sia per una fruizione autonoma sia con guida, alcuni specifici per il trekking, altri percorribili anche a cavallo e in mtb, per i quali l’introduzione delle bici a pedalata assistita può rappresentare un fantastico modo di fruizione, avventuroso e sicuro, anche per i meno allenati.
Il tracciato del PoMonf attraversa i comuni di Casalborgone, Berzano San Pietro, Albugnano, Aramengo, Tonengo, Lauriano, San Sebastiano da Po, Castagneto Po. All’interno del PoMonf ci sono due percorsi particolarmente frequentati: quello della Rul Rul vërda e del Crutìn del Cerro, 13.1 km nel Bosc Grand, e il Giro delle chiese romaniche, 21.2 km.
Scaricate i percorsi de La Rul vërda e il Crutìn del Cerro, Il giro delle chiese romaniche dalla rivista n. 83 Camminare: disponibile subito in formato digitale.

Info
pagina FB: PoMonf Turismo a casa nostra
E-mail: PoMonf.experience@gmail.com
Referenti: Romina Da Lozzo, Comune di Casalborgone, cell. 3496796009

0 0 vote
Article Rating
Condividi
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments