VIAGGIORE SENZA ASSICURAZIONE?

Meglio di no

Stavamo uscendo dalla locanda, quando li vedemmo passare. Quattro fuoristrada pieni di turisti festosi e di bagagli. La nostra auto era proprio davanti a noi: una vecchia Renault 4 noleggiata alcuni giorni prima a Marrakech.
Il deserto ci stava aspettando: la strada finiva proprio lì e c’erano la pista sterrata e le dune in lontananza. E l’oasi, dove avevamo programmato di fare delle escursioni.
In un attimo cancellammo dalla mente l’idea di trovare una guida all’agenzia viaggi proprio di fronte a noi. Ci precipitammo in auto all’unisono, e ci accodammo alla carovana. I potenti fuoristrada ci facevano mangiare la polvere, e l’andatura era sostenuta. Nella vecchia auto sobbalzavamo e rollavamo, prive delle cinture di sicurezza, che nella nostra Europa ormai erano d’obbligo. Ma non demordevamo.
Man mano che si procedeva diventava chiaro che la pista, ormai quasi inesistente, era segnata dai logori e malandati pali di legno dell’energia elettrica, ormai unico contatto con la civiltà. Davanti a noi polvere, dune e i fuoristrada; a lato e alle nostre spalle.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULLA RIVISTA CAMMINARE N. 80 GENNAIO-FEBBRAIO 2020







Elenco Commenti



Lascia il tuo Commento